domenica 19 luglio 2015

Vituzzu contro il prof. Drago

La cancellazione di voci su Wikipedia è da sempre una questione controversa che abbraccia non solo le singole voci per le quali viene proposta la cancellazione ma anche i criteri e le procedure per giungere alla cancellazione.


In termini generali, su Wikipedia esistono due scuole di pensiero. Una propende per lasciare agli amministratori un'ampia discrezionalità nella cancellazione e per interpretare in senso molto restrittivo i requisiti di enciclopedicità per cui una voce può meritare di rimanere su Wikipedia. L'altra preferisce un'interpretazione più ampia dei criteri di enciclopedicità e vorrebbe limitare la discrezionalità degli amministratori nel decidere la cancellazione della voce.

Nel tempo si è affermata la prima corrente, che non è maggioritaria ma può contare sul peso determinante degli amministratori, molti dei quali hanno un personale interesse (spesso patologico) a mantenere un potere quanto più ampio e incontrastato sulle voci di Wikipedia e sui suoi utenti.

Hai voglia a dire che gli amministratori sono comuni utenti di buona volontà che sacrificano il proprio tempo per servire la comunità. La verità è che, per molti amministratori, Wikipedia è diventata un luogo in cui poter riscattare le proprie frustrazioni esercitando un potere (virtuale) sulle persone che non possono (ma vorrebbero) esercitare nella vita reale.
In fondo, cancellare una voce biografica dall'enciclopedia o espellere un utente dissenziente è la versione virtuale della soppressione fisica di una persona nella vita reale.

Sta di fatto che la lobby degli amministratori (o meglio, di quelli che seguono con particolare accanimento questo tipo di procedure) riuscì a cambiare le regole per la cancellazione - che fino a quel momento si erano basate sulla votazione - adottando il sistema del "consenso".
Con questo sistema, la cancellazione viene discussa tra gli utenti e al termine della discussione è di fatto l'amministratore di turno a valutare se il consenso propenda per la cancellazione o per la conservazione della voce. Questa valutazione, però, ha ampi margini di discrezionalità perché l'amministratore può dare un peso diverso ai vari pareri, a seconda di come sono motivati e anche dell'importanza degli utenti che li esprimono (anzianità, competenza, ecc.).

Da allora, gli amministratori che seguono (per propria scelta) le procedure di cancellazione, fanno il bello e il cattivo tempo, spesso decretando la morte virtuale o la sopravvivenza delle voci solo sulla base dell'antipatia o della simpatia che nutrono nei confronti degli utenti che partecipano alle relative discussioni o del soggetto a cui è intitolata la voce.

Ci sono utenti che si sono visti cancellare d'un colpo interi mesi di lavoro, senza alcuna possibilità di recuperarlo. La cancellazione infatti, è praticamente irreversibile e dopo qualche tempo diventa difficile persino trovare anche solo una traccia di quanto avvenuto.

Un esempio relativamente recente è dato dalla voce dedicata al farmacologo Filippo Drago.

Qualche tempo fa la voce è stata cancellata dalla Wikipedia italiana, e di essa non c'è più traccia. E' sopravvissuta solo una vecchia  "bozza" rimasta nell'archivio delle revisioni dell'utente che l'aveva creata.

La stessa voce, però, è stata inserita (dallo stesso utente) anche sulla Wikipedia inglese, dove però ha avuto sorte migliore: ha superato il vaglio dei revisori ed ha perfino ottenuto il supporto del gruppo di lavoro scientifico di quella edizione di Wiki (non è la prima volta che gli anglofoni mostrano di apprezzare le eccellenze italiane molto più di quanto non facciano gli italiani stessi):


A questo punto, l'autore ha chiesto di poter reinserire la voce sulla Wiki italiana, traducendo quella revisionata e approvata su Wikipedia inglese. Nella circostanza, però, non è riuscito a trattenersi dal far notare che la cancellazione della voce italiana era stata voluta da utenti esperti di araldica e di numismatica, che quindi non avevano alcuna competenza per valutare l'enciclopedicità di un farmacologo.

Il poveretto non sapeva che così facendo avrebbe irretito la lobby degli amministratori, preoccupata di garantire il principio secondo cui per scrivere su Wiki italiana non serve (anzi è fortemente sconsigliato) essere esperti della materia su cui su scrive, ma ciò che conta è soprattutto il favore di cui si gode nel giro degli amministratori e degli utenti anziani. 

E difatti subito è intervenuto il famigerato amministratore Vituzzu, che ha cassato la proposta dell'utente con questa frase lapidaria:

En.wiki è di manica molto larga ma vedrò di ottenere la cancellazione pure di là. --Vito msg 15:59, 22 mag 2015 (CEST)

Poche parole, sulle quali, però, si potrebbe scrivere un trattato di psicologia.

"En.wiki è di manica molto larga"...
Sembra che Vituzzu stia parlando della Wiki scritta in qualche sperduto angolo del pianeta.
La Wiki inglese non è una Wiki qualsiasi, è Wikipedia
Infatti Wikipedia è nata En.Wiki, lì è stata concepita, studiata, progettata e offerta al mondo. E' la più grande, la più completa, la più affidabile, la più copiata e tradotta, la più libera nel vero senso del termine, visto che riunisce - sotto la lingua inglese - centinaia di diverse nazionalità e ideologie.
Le sue regole costituiscono il punto di riferimento per eccellenza per tutte le altre versioni di Wikipedia.
Per cui, dire che En.Wiki è di manica larga sulle voci è come dire che alla NASA sono di manica larga nel formare gli astronauti...

Semmai, è la Wiki italiana a essere di manica stretta (ma sempre in base all'insindacabile giudizio dei soliti noti). 

Ma Vituzzu era così accecato dall'impulso di dimostrare il proprio potere virtuale da non rendersi conto di quanto fosse presuntuosa quell'affermazione. C'è da chiedersi se questo suo accanimento non nasconda una bruciante invidia per chi nella vita reale è riuscito a fare qualcosa di abbastanza importante da guadagnarsi una voce su Wiki.

E difatti, dato che gli "bruciava" non poco che la voce cancellata sulla Wiki italiana facesse bella mostra di sé sulla ben più prestigiosa Wiki inglese, e che i revisori inglesi l'avessero approvata, si è fatto punto di impegnarsi, con tanto di proclamazione ufficiale: "Vedrò di ottenere la cancellazione pure di là".

Ma se agli anglofoni sta bene quella voce, cosa vai a rompergli le scatole per fargliela cancellare?

Questo comportamento è rivelatore di seri problemi psichici e relazionali...

E Vituzzu ci ha provato. E' andato sulla Wiki inglese e ha inserito un avviso (chiamato COI) sulla voce di Filippo Drago:


"A major contributor to this article appears to have a close connection with its subject. It may require cleanup to comply with Wikipedia's content policies, particularly neutral point of view. Please discuss further on the talk page".

Tradotto, significa:

"Uno dei principali autori di questa voce sembra essere collegato da vicino con il suo soggetto. La voce potrebbe richiedere un'operazione di pulizia per soddisfare le regole di Wikipedia sul contenuto delle voci, in particolare sul punto di vista neutrale. Si prega di discuterne nella pagina di discussione".

Vituzzu non ha chiesto direttamente la cancellazione della voce, quindi. Non poteva farlo, visto che la voce era stata già approvata dai revisori anglofoni. Allora ha cercato di insinuare il dubbio che la voce non fosse neutrale ma di parte, scritta da qualcuno collegato a Filippo Drago e quindi mosso da un interesse personale. Non potendo dimostrare alcuna di queste insinuazioni, il buon Vituzzu è rimasto sul vago, usando i termini "sembra che", "potrebbe essere"...
Il tentativo non ha sortito effetti, probabilmente perché sulla Wiki inglese il Vituzzu non può contare sull'appoggio di "cumpari e cumparielli" che, sulla Wiki italiana, accorrono su chiamata per dargli manforte e per creare consensi artificiosi. 

Ma davvero la voce presenta problemi di "punto di vista neutrale"?

Questa è la voce completa della Wiki inglese:


E' una semplice biografia. In circa 20 righe si limita a elencare i lavori e gli incarichi del prof. Drago in ambito farmacologico, senza nessun commento o apprezzamento, corredando il tutto con una dozzina di fonti. Questo è esattamente ciò che una biografia enciclopedia dovrebbe contenere (e se questo criterio fosse rispettato anche sulla Wiki italiana, si sarebbero evitate le innumerevoli guerre che hanno tormentato e tormentano numerose voci di personaggi famosi e di vicende storiche importanti). 

Anzi, il curriculum del prof. Drago è molto più nutrito di lavori, riconoscimenti ed esperienze, di quanti ne siano citati sulla Wikipedia inglese, segno che l'autore ha effettuato un lavoro di sintesi al fine di realizzare una voce biografica proporzionata al soggetto e utile a chi, imbattendosi nel nome del professore, voglia saperne qualcosa di più. 

E' evidente, quindi, che le insinuazioni di Vituzzu sono del tutto infondate. Le ha fatte solo per tentare di cancellare dal mondo virtuale quella persona e vendicarsi dell'incauto utente che aveva osato mettere in dubbio l'opportunità della cancellazione della pagina sulla Wiki italiana.

Una meschinità, quella di Vituzzu, che tradisce la pochezza di questo "amministratore" che, se si fosse preoccupato davvero di gestire il proprio ruolo al servizio di Wikipedia e dei suoi fruitori, piuttosto che del proprio ego, forse si sarebbe accorto dell'esagerazione (in termini di dimensione della voce) e della carenza di neutralità della pagina dedicata a Edward Bernays, pubblicitario americano: oltre 800 righe, quasi 10.000 parole e 200 paragrafi! Il tutto, ci viene segnalato, è quasi integralmente copiato dalla trascrizione di un documentario televisivo (e quindi anche in violazione del copyright) che prospetta la vita e l'operato di Bernays secondo una particolare prospettiva che certamente non è neutrale.

Il confronto fra la pagina di Drago (venti righe di biografia secca, oggetto di un vero e proprio accanimento patologico di Vituzzu) e quella di Bernays (un paginone interminabile e ridondante che viola il copyright e non rispetta i criteri di neutralità, ma è lasciato indisturbato) mette a nudo, ancora una volta, la triste realtà della Wikipedia italiana, in balia di capricci e giochi di potere, antipatie e simpatie personali.

Si ringraziano Luca Z., Bruno D. e Riccardo S. per le segnalazioni. 

49 commenti:

  1. Ma visto che Vituzzu si lamenta sulle en:wiki, non possiamo lamentarsi anche noi del suo comportamento su en:wiki ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che se si fissa diventa davvero pressante, e dopo mesi (o addirittura anni) gli americani gli daranno ragione per toglierselo dalle pa**e, altrimenti non la pianta.

      Lui ovviamente si farà forza del fatto che è "amministratore", e quindi (dopo mesi di seccature) dirà che gli hanno dato ragione perché lui capisce più di te.

      Elimina
    2. Certo che si può, basta ricordarsi di andare a votare contro di lui durante la votazione di steward ogni febbraio.

      https://meta.wikimedia.org/wiki/Stewards/Confirm/2015/Vituzzu

      Si possono anche usare gli account bannati sulla wiki italiana, essendo quella la wiki inglese.

      Elimina
  2. Bell'articolo. Complimenti a chi lo ha scritto. Comunque su questo "Vituzzu" di Wikipedia voglio aggiungere (dato che mi si ringrazia per le mie segnalazioni) che ha fatto "sparire" in un solo giorno un articolo nella Wikipedia italiana che appare senza problemi in ben altre 21 wiki. Si tratta di "Grande Italia", che scrissi anni fa assieme ad altri wikipediani. Se qualcuno ne e' interessato e vuole approfondire conoscendo la lingua inglese, lo invito al sito " manmer2.blogspot.com/ " dove si trova "Moscerino Vituzzu, the traitor"......ciao a tutti, Bruno D.

    RispondiElimina
  3. Attenzione però: il sistema del "consenso" utilizzato per le Pdc (procedure di cancellazione) non è così sbagliato come si può pensare. Certo, non è infallibile, non è perfetto...ma intanto fa sì che non tutte le PdC si risolvessero in una votazione.

    La votazione, infatti, presenta un grandissimo problema: un +1 vale esattamente quanto un -1 indipendentemente dalla motivazione che c'è dietro il voto.
    Avete mai incrociato nelle PdC quegli utenti che vorrebbero cancellare 3/4 di wikipedia? Avete mai incrociato quelli che, invece, votano sempre e comunque per il mantenimento di una pagina, convinti che su wiki ci debba stare qualsiasi cosa?
    Avete mai incrociato un fanboy? O un haters?
    Per tutte queste persone, le votazioni sono una manna dal cielo, perchè possono ca*are il loro voto indipendentemente dalle argomentazioni presentate a favore o meno della cancellazione. Tutto questo ha portato, molto spesso, a sfalsare i risultati delle votazioni, soprattutto quelle minori (es. se si parla di gruppi musicali sconosciuti) dove magari i votanti totali non arrivano ad essere più di 15. In quel caso, anche il voto di 1-2 persone può essere determinante.

    Il "consenso" fa sì che i cancellatori, i fanboy, gli haters, ecc...abbiano vita dura, in quanto le loro argomentazioni, spesso inconsistenti, non hanno lo stesso peso che ha un voto. L'unica cosa che possono fare è sperare che il consenso non si raggiunga, in modo da arrivare alla votazione. A questo punto non si può fare più niente per fermarli...ma almeno queste nuove PdC hanno arginato nettamente il fenomeno.

    Per il resto....Vituzzu è il solito sfigato che, non avendo una vita reale di cui vantarsi, tenta di darsi un tono facendo finta di poter "influire" sulla en.wiki. Invece l'effetto che ottiene è quello del bulletto della terza media che fa il gradasso con quelli delle elementari...ma che quando si avvicina ad uno delle scuole superiori, viene considerato per quello che è: una nullità.
    Tanto lo so che mi leggi Vito....scommetto che ora ti dannerai l'anima per capire quale wikipediano io sia, in modo da far valere il tuo "potere" sulla mia utenza. Hai fatto mettere in blacklist questo sito, ma intanto non puoi evitare che tutti ti ridano dietro. Esattamente come ti succedeva a scuola.

    PS: ma qualcuno è riuscito a capire chi sia questo Vituzzu? E' un bimbominkia o è un ultraquarantenne privo di vita sociale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto quello che dici sulle PdC, ma questo sistema avrebbe un senso su una wiki normale, non su it.wiki dove il "consenso" diventa nient'altro che una scusa per ignorare i pareri sgraditi e la qualità delle argomentazioni nient'altro che un escamotage per liquidare quelle opposte alle proprie. Insomma, se il sistema consensuale venisse applicato dappertutto, sarebbe la fine, perché significherebbe che tutti i passaggi chiave della vita wikipediana verrebbero controllati dai soliti amichetti che conosciamo bene, che farebbero il bello e il cattivo tempo più di quanto non facciano adesso (e infatti quelli che lo vogliono sono più o meno sempre gli stessi). Le votazioni, invece, sono l'unico strumento per rappresentare veramente la comunità, ovviamente purché siano ampiamente partecipate.

      Elimina
    2. @158158165
      Aros ha questo indicato il seguente blog,
      manmer2.blogspot.com

      Qualche dato è presente, purtroppo non posso dire se le informazioni sono affidabili

      Elimina
    3. Questo è vero, purtroppo non si può contare sulla serietà di tutti i votanti, ho assistito anche a gente che ha messo voci su personaggi inesistenti, inventati di sana pianta. Ma d'altro canto l'oligarchia di un gruppo di persone , che anche se dovessero essere tutti concordi nel cancellare una voice lo fa uno solo e gli altri non si pestano i piedi, non giova a Wikipedia. Così scoraggia la gente a dare il proprio apporto, secondo le loro possibilità, ovviamente, visto che l'approvazione o meno non sono criteri oggettivi ma puramente soggettivi. "Una ruota dalla fortuna insomma" . Ho sentito di gente, convinta della correttezza di ciò che scriveva, magari come me ci lavora e ne sa più degli enciclopedyian administratori, che ha insistito a immettere l'articolo cancellato, e che alla fine è stata bloccata tramite il proprio IP.

      Elimina
  4. Avete riassunto alla perfezione il problema principale di it.wiki: non conta essere competenti in materia e conoscere l’argomento di cui si sta scrivendo, conta solo fare i carini e i ruffiani, in modo da attirarsi più fan possibili, meglio se amministratori, e soprattutto conoscere bene le logiche interne di wiki. È per questo che la Wiki italiana non raggiungerà mai gli standard della Wiki inglese, figuriamoci delle altre enciclopedie.

    Un episodio che illustra alla perfezione questo concetto è il duello che si scatenò fra Waglione e Anjamanix, due utenti (normale utente il primo, amministratore il secondo) entrambi molto attivi sulle voci di medicina. Questi due utenti si sono punzecchiati a vicenda per lungo tempo, accumulando pressione in una pentola destinata ad esplodere prima o poi. E infatti così fu. Waglione fu segnalato nei problematici e bannato con la seguente motivazione: “Atteggiamento sistematicamente polemico, calunnie nei confronti di altri utenti e rifiuto del consenso in nome di una visione personale del progetto”.

    Sembrava tutto finito, senonché circa 3 mesi dopo Vituzzu (sì, proprio lui) ricevette un’e-mail con un PDF di 17 pagine che contenevano circa 60 errori scritti da Anjamanix sulle voci di medicina, alcuni dei quali piuttosto gravi, ad esempio sintomatologie completamente errate. Particolarmente grave un caso in cui menzionava il toluene, un idrocarburo tossico e cancerogeno, descrivendolo addirittura come farmaco! Vituzzu non rivelò mai il mittente dell’e-mail, ma non è difficile immaginare che fosse lo stesso Waglione.

    Ne seguì una UP a carico di Anjamanix, il quale sostanzialmente ammise tutti gli errori che gli venivano contestati, seppur rivendicando la propria buona fede, e per questo annunciò le proprie dimissioni da amministratore, l’autosospensione per un mese e l’impegno a stare lontano dalle voci di medicina. In cambio di tutto questo ottenne la “grazia”, ovvero nessun provvedimento a suo carico, nonostante diversi utenti ritenessero opportuno un blocco (non mancarono quelli che chiesero l’infinito). Al contrario, nessuna “riabilitazione” fu intrapresa nei confronti di Waglione, giudicato un troll a prescindere dall’esito finale della vicenda.

    Perché il problema è proprio questo: molto spesso gli utenti più incompetenti sono quelli che conoscono meglio le logiche interne di Wikipedia, e sanno perfettamente come far veicolare il consenso dalla loro parte: quando si scontrano con un utente che mette a nudo la loro incompetenza cominciano a stuzzicarlo e a provocarlo, rimanendo sempre ai limiti delle regole, fino a quando l’utente competente “sbrocca” ed è qui che scatta la trappola: segnalazione nei problematici dove usano tutti i giochetti dialettici possibili e immaginabili per buttare tutto in caciara e metterla subito sul personale, focalizzando l’attenzione sui comportamenti anziché sui contenuti. Ovviamente più un tema è specialistico più è difficile trovare utenti competenti su quella specifica materia, quindi la maggior parte della comunità tenderà a concentrarsi sui comportamenti appunto, non potendo/volendo entrare nel merito degli argomenti. Risultato: l’utente competente viene bannato per “comportamento non collaborativo, attacchi personali, atteggiamento aggressivo” ecc. ecc. ecc. mentre l’incompetente resta tranquillo e beato su Wikipedia, continuando a inserire informazioni errate, false e faziose. Sempre più comunità, sempre meno enciclopedia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio quello che è capitato a me: questi delinquenti mi hanno buttato fuori dopo anni di onesti contributi con il pretesto di attacchi personali che non c'erano: io avevo criticato le procedure, non l'utente Tizio o Caio.

      Elimina
  5. A me mi hanno cancellato tre volte degli articoli con varie tipologie di motivazioni. Uno appena scritto e mandato, e non salvato, non sapendo della corsa alla "epurazione" .Contattato l'amministratore , e smontate tutte le sue fantasiose rivendicazioni, ha alla fine ammesso di essere stato troppo frettoloso nel cancellarlo. A very big deal! Visto che ci avevo messo del tempo per scriverlo e che, lavorando sul soggetto, ne ero abbastanza a conoscenza.Dopo la terza volta che mi hanno fatto uno scherzo del genere li ho mandati a........fare un giro. Scrivo tranquillamente su En_Wiki senza nessun problema. Il bello è che questo amministratore aveva una frase sul blog dove rispondeva, del tipo: "Se cancelli una voce senza accertarti sei un fascista!" Non credo che ci sia altro da aggiungere, anzi sì:

    SALVATE WIKI ITALIANS DA QUESTA GENTE ALTRIMENTI SCORAGGIA LA GENTE A DARGLI SUPPORTO!

    Sinceramente:
    Ann Mary Jennifer Cordero Spina
    Soudan Heights, 2035,
    Armidale, Australia NSW

    RispondiElimina
  6. Per tutti i lettori e commentatori
    Non perdetevi "Il caso Vituzzu": http://wikiperle.blogspot.it/2012/01/ll-caso-vituzzu.html
    È un post vecchio, ma contiene delle vere e proprie chicche documentate sul personaggio in oggetto. Vale assolutamente la pena leggerlo!

    RispondiElimina
  7. Mi prendo la briga di commentare questo blog solo perché una volta rispettavo il blog 'gemello' Perle Complottiste:
    1) Al momento attuale non è vero che 'Wikipedia inglese è Wikipedia': Wikipedia è un progetto multilingue. Chi lo dice? Tra gli altri, la Wikipedia inglese https://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:About
    2) Tutti possono contribuire (costruttivamente) a Wikipedia, in qualunque lingua desiderino; vorreste impedire a Vituzzu di contribuire alla Wikipedia inglese? Con tutto il rispetto: non avete capito come funziona Wikipedia, e, quindi, non ha senso che critichiate l'operato degli amministratori.
    3) entrando nel merito, la pagina in inglese su Drago è un puro è semplice curriculum: un curriculum eccezionale, ma non una biografia. Si può discutere se la pagina sia 'enciclopedica' o no: di sicuro, allo stato attuale non serve a nulla tranne che a promuovere su un sito 'famoso' come Wikipedia questo eccellente scienziato (se a qualcuno serve il curriculum completo di Drago non ha certo bisogno di Wikipedia); voi stessi non avete saputo spiegare perché dovrebbe esistere una pagina su di lui, limitandovi a invocare la presunta autorità di en.wikipedia
    4) accusare Vituzzu dello stato della pagina di Bernays è palesemente assurdo, a meno che non proviate che lui la conosca; tra l'altro, perché non contribuite a migliorarla invece di polemizzare?
    5) io non conosco Vituzzu e francamente non me ne importa molto di lui; so solo che è comunque una persona, e diffamare una persona, affermando che ha problemi mentali, è una cosa già 'sporca' di per sè, e ancor più se fatta nascosti sotto uno pseudonimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Wikipedia è un progetto multilingue ADESSO: in origine Wikipedia è nata come en.wiki, il che significa che tutte le regole di Wikipedia, compresi i criteri di cancellazione delle pagine, sono state formulate da loro. Non è corretto metterle tutte sullo stesso piano. E comunque, sotto molti aspetti (anche se non tutti) la wiki inglese è non una ma dieci spanne sopra quella italiana.

      2) Nessuno sta dicendo di impedire a Vituzzu di contribuire a en.wiki ma semplicemente di impedirgli di applicare i suoi personalissimi criteri altrove.

      3) Se è un "eccellente scienziato" di fama internazionale allora la pagina è enciclopedica, e non è un curriculum, ma una biografia. Se si vuole fare una voce su uno scienziato, cosa si dovrebbe scrivere se non il percorso di studi, i lavori pubblicati e i riconoscimenti ottenuti? Ragionando in questo modo, qualunque voce su personalità scientifiche potrebbe potenzialmente essere classificata come "curriculum".

      5) Poco male, tanto it.wiki ha già dimostrato che gli insulti extra-wiki non sono perseguibili visto che Blackcat ha pubblicamente insultato AndreaFox dandogli del mentecatto su questo blog ed è riuscito a farla franca come se niente fosse, prendendo per i fondelli non solo AndreaFox (che dopo questo episodio si è allontanato da Wikipedia) ma tutta la comunità, giocando con le regole e sfruttando un "vuoto normativo" per fare cose che su wiki gli sarebbero costate il bando per direttissima. E sempre a proposito di en.wiki, da quelle parti questi stessi comportamenti sono stati sanzionati con il bando senza troppi giri di parole, su it.wiki si è parlato per giorni del sesso degli angeli e alla fine si è concluso tutto con una bolla di sapone.

      Elimina
    2. In realtà il punto 5 non è corretto, vigevanese è stato infinitato per aver insultato Vito su irc.

      Ergo gli insulti extra-wiki non sono perseguibili fino a quando non si insulta l'orso Yoghi e Bubu. Se AndreaFox avesse insultato Blackcat qui su questo blog sarebbe stato punito come vigevanese con Vito. Tutti gli utenti di wikipedia lo sanno.

      Elimina
    3. OK, ma io intendevo gli insulti fatti su siti esterni a wiki, l'irc è comunque un canale interno a wiki, se non erro. Comunque concordo sul fatto che a parti inverse sarebbe finita in modo diverso, l'importante è cercare di crearsi più fan possibili, oppure ancora meglio scegliersi una fazione (credenti/atei, sinistra/destra, conservatori/revisionisti, ecc. ecc.) ma soprattutto contribuire tanto perché chi contribuisce tanto quasi sempre viene considerato troppo prezioso per essere allontanato e quindi gli viene fatto passare di tutto.

      Elimina
  8. Ecco l'ultima (ma solo per ora) perla di Vituzzu.

    Tutti i tg parlano della nascita di Alphabet, la nuova azienda che, tra le altre, ingloberà anche Google. E' sicuramente un evento importantissimo o, quantomeno, enciclopedico....tranne che per Vituzzu.
    Il boss, qualche giorno fa, ha bloccato la creazione di tale pagina per impedire (come da policy di wikipedia) che si creino pagine su qualcosa che ancora non esiste, alimentando supposizioni o voci di corridoio. Tale accorgimento può aver senso quando si parla di un film, un disco o una stagione di una serie tv che non sono ancora usciti (o che magari sono solo stati annunciati, quindi non è detto che verranno realizzati). Ma in certi casi sarebbe richiesto un po' di buon senso, cosa che ovviamente a Vituzzu manca.

    E infatti, nonostante le richieste di sbloccare la pagina (in seguito all'annuncio mondiale della nascita di Alphabet), bimbo Vito sbatte i piedi per terra facendo i capricci. E pazienza se le altre wiki ci sono arrivate ad usare il buon senso, a lui non interessa: "Non c'è miglioramento che tenga: se non esiste ancora non esiste, indipendentemente da quanto si possa allungare il brodo" (cit.)
    Quando nella vita reale si è una nullità, il potere virtuale diventa l'unica cosa che conta. E lui non perde occasione di utilizzarlo.

    La discussione è qui
    https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Wikipedia:Richieste_agli_amministratori/agosto_2015&oldid=74475985#Ripristino_pagina_.22Alphabet.22

    Sempre sperando che Vito (che ha sempre un occhio su questo blog a leggere cosa si dice su di lui) non decida di cancellarla.

    RispondiElimina
  9. Vituzzu fa il "ducetto rosso" nella Wikipedia italiana perche' riceve appoggio completo da uno dei capi storici della it.wiki : Benvenuti, detto utente:M7. Questo M7 abita a Valentano, Viterbo (eccovelo in foto alla sinistra della "reginetta grassa di Wikimedia italiana" Frieda: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Iron_Bishop_Frieda_M7_Svante.JPG ). .....E se sapete leggere in inglese, vi ripeto questo sito che lo descrive con nuovi dettagli (tutti verificabili da parte mia, in caso di dubbi!): http://manmer2.blogspot.com/2015_08_01_archive.html ..... Ciao, B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con gli amministratori complici se ne credono i padroni. Ecco cosa si ottiene ad affidare i ruoli più alti a pochissimi idioti. Pubblicamente e formalmente fanno credere di osservare le regole e le norme nel buttarti fuori, e poi ti sfottono pure, e ti bloccano per sempre con motivazioni da film di Arnold Schwarzenegger del tipo "basta così utenza terminata" oppure "tornatene ad attaccare le figurine", "voglio credere che sia un ragazzino di 14 anni" "una mela marcia non adatta al progetto", "per me è da infinitare da subito, e se torna dopo il blocco lo si può tranquillamente espellere" e poi accusano te di attacchi personali soltanto perchè critichi il sistema, quando invece i veri attacchi personali li fanno loro e capovolgono la situazione! E la cosa grottesca è che sono anno e anni che agiscono così e nessuno li ferma, anzi hanno fatto carriera proprio in questo modo e sulla pelle degli utenti che dopo tanto lavoro si vedono sbattere fuori in 3 giorni come se niente fosse!

      Elimina
  10. En.wiki è di manica molto larga ma vedrò di ottenere la cancellazione pure di là. --Vito msg 15:59, 22 mag 2015 (CEST)

    Credo che ora ci sarà da ridere, nel seguente articolo di Repubblica si legge:

    Per questo motivo Duncan Hull, informatico dell'Università di Manchester ha proposto un'iniziativa: ha chiesto ai wikipediani di migliorare le biografie degli scienziati in vita.

    È vero che si riferisce alla wiki en, ma chissà se prenderà piede anche nella wiki it

    RispondiElimina
  11. Una considerazione di carattere generale su WP. Perché le pagine di servizio sugli utenti bloccati rimangono leggibili vita natural durante? Dovrebbero essere criptate e rese accessibili solo agli amministratori. Perché, mi chiedo, chiunque deve poter leggere, anche a distanza di anni, le discussioni, a volte molto animate e che toccano aspetti personali o caratteriali, che si sono sviluppate attorno alla proposta di bloccare un utente per qualsiasi motivo? Trovo questo fatto inaccettabile e contrario al diritto alla riservatezza, soprattutto se il malcapitato utente (ripeto, qualsiasi sia il motivo e la sua "colpevolezza") aveva commesso il grave errore di registrarsi col suo nome e cognome reali. Si può ottenere da WP che la smettano con questo evidente abuso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono d'accordo, io la penso esattamente all'opposto: nascondere le pagine e renderle accessibili solo agli amministratori significa nascondere le schifezze che questi ultimi fanno nei confronti degli utenti e dunque aiutarli a non essere scoperti nè puniti, un pò come la "lupara bianca" che nasconde le prove di certi delitti.
      Ma io mi chiedo: perchè non si può far niente per impedirlo, e certi tizi stanno ancora al loro posto a ricoprire certi incarichi dentro wikipedia (e fare danno con certe espulsioni inopportune), mentre utenti validi nel contempo sono stati buttati fuori per sempre? E perchè non esiste un modo per riabilitarli?
      Al massimo concordo con il nascondere nome e cognome reali, ma non certo nascondere il modo vergognoso con cui funziona wikipedia italiana, che butta fuori gli oppositori in modo tale che poi qualunque votazione non può che essere favorevole a questi aguzzini ed esprimere loro consenso, visto che il dissenso è stato eliminato con la scusa di attacchi personali.

      Elimina
  12. La registrazione a Wikipedia non è una cosa che si fa "per sbaglio": se uno si registra su Wikipedia (ma vale per qualsiasi altra piattaforma web) usando il proprio nome e cognome, lo fa coscientemente e volontariamente: pertanto si assume la responsabilità di questa scelta, tanto coraggiosa quanto pericolosa.
    Se poi la sua intenzione è quella di andare a provocare, stuzzicare o piantare casino, fino a farsi bloccare, non può lamentarsi se il suo nome e cognome verranno associati a tutto ciò che ha pubblicato
    Perchè quando ci si accorge che i toni si alzano o che si ha a che fare con altri provocatori (che invece hanno la privacy garantita), si può sempre abbandonare le discussioni. Ma se uno, col proprio nome, sceglie di esporsi, allora non può pretendere che dopo essere stato cacciato, si cancellino le tracce.

    Comunque, se qualche utente di wikipedia pubblica dati personali o privati di un'altra persona, si può tranquillamente chiedere agli admin la pulizia della cronologia in modo che non possano più essere letti nè recuperati da nessuno. Anzi, è qualcosa che di solito succede in automatico. Ma se tu hai scritto informazione tue personali, associate al tuo nome e cognome, non puoi invocare la riservatezza (tantomeno parlare di abuso) solo perchè poi sei stato bloccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un'interpretazione del diritto alla privacy davvero singolare. A me risulta che uno possa chiedere la cancellazione dei propri dati personali da un data base in qualsiasi momento, soprattutto se parliamo di controversie relative a anni e anni addietro. Questa storia che se uno si registra a 15 anni col nome e cognome poi a 50 deve ancora vedersi il suo nome associato a cose brufolose che aveva detto o scritto mi fa solo ridere. E il diritto all'oblio dove va a finire? Vale per i partiti, i sindacati, le associazioni culturali e sportive e non vale per Wikipedia. Assurdo!

      Elimina
  13. Condivido appieno quanto scritto in questo Blog.

    RispondiElimina
  14. Condivido le motivazioni che hanno portato all'apertura di questo blog relativo alle "WIKI PERLE"! Saluti

    RispondiElimina
  15. Qui, Vituzzu assume un comportamento che, dal mio punto di vista, è un po' troppo duro sia verso gli utenti sia verso dei brand consolidati: https://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Pagine_da_cancellare/Lattebusche
    Qui, Vituzzu interviene, credendo che si stia parlando di lui, all'interno di una discussione riguardante la possibilità che degli utenti possano proporre la cancellazione di una pagina su commissione: https://it.wikipedia.org/wiki/Discussioni_Wikipedia:Avvertenze_sulla_contribuzione_su_commissione#Proposte_per_la_cancellazione_su_commissione
    Qui, pare che la fama dell'utente abbia superato gli stessi confini di Wikipedia: http://www.giornalettismo.com/archives/737063/il-milione-di-wiki/ , http://guide.supereva.it/vasco_rossi/interventi/2009/12/contro-la-disinformazione-il-wikipedia-di-clara-moroni .
    Se quanto è stato scritto è veritiero, non mi sembrerebbe un atteggiamento molto serio da parte sua.

    RispondiElimina
  16. Anche perché la rete di utenti a copertura di Vituzzu è anche imparentata tra di loro.
    Adesso non so Vituzzu, ma Sergio Blackcat è cugino (primo o secondo) di due admin, una delle quali è un'utente storica di wiki.it, e spesso si vede a Roma o in giro per l'Italia con loro e quegli altri admin (Sannita, Jaquen, Dome) che lo hanno bloccato ma che fuori da wiki.it sono pappa e ciccia. La strategia è chiara. Ormai Blackcat è "bruciato" per fare l'amministratore (gli hanno dato però la carica su Commons insieme a Jacquen, così colpisce da quella parte) ma è protetto per fare il provocatore, ogni tanto gli danno i blocchi per far vedere che sono severi anche con lui ma poi fuori da wiki.it si scambiano battute allucinanti su quello che pensano degli utenti che andrebbero eliminati per sempre da wiki.it.
    Risultato? Tutti quelli che hanno a che fare con Blackcat perché questo li prende di punta, prima o poi finiscono stalkerati, provocati, insultati, segnalati e poi bannati, se non se ne vanno prima.
    Lui e tutti questi amichetti sono quelli che sostengono la rete di soccorso di Vituzzu e agiscono su commissione negli altri progetti. Se ci fate caso la cricca di Vituzzu ha incarichi dovunque: Blackcat e Jaquen su Commons, Sannita su Wikidata, M7 su Wikiquote, quindi quando serve un favore basta lasciare un messaggio in e-mail e la roba sparisce. E nessuno denuncia niente perché ha paura per la propria utenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente lo schifo più totale, lo specchio dell'Italia, sul modello di quello che a Roma è "mafia capitale": su wikipedia italiana non si va avanti in base ai meriti ma ai clientelismi belli e buoni... ma nessuno vigila su questo sistema e controlla i "controllori"?

      Elimina
    2. Il fatto che Blackat sia parente di ben due admin (credo di aver capito chi è l'utente storica, e se è lei non mi stupirebbe affatto) la dice lunga e soprattutto potrebbe spiegare come mai uno con una sfilza di segnalazioni e blocchi a suo carico non è stato ancora bannato.

      Elimina
  17. Adesso però dite chi è questa utenza storica... Frieda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercate di capirmi, ho già detto troppo :-)
      Quando ancora contribuivo su Wikipedia e credevo che fosse davvero un progetto libero e aperto, fui di fatto “costretto” a cambiare operatore Internet (poi ho cambiato anche casa per motivi di lavoro, quindi ormai dovrei essere irraggiungibile almeno dalla cricca).

      Accadde che qualche settimana dopo una serie di, diciamo, “contenziosi” con i soliti noti, ricevetti a casa una lettera ― senza carta intestata e senza firma, scritta con stampante laser e inviata per posta ordinaria con il timbro di un ufficio postale di Roma ― nella quale mi si invitava, vista la mia attività su Wikipedia e il prezioso contributo in contenuti e discussioni, a iscrivermi a Wikimedia Italia, indicandomi anche le modalità di pagamento.
      Si badi, il tutto scritto in tono gentilissimo e formale, ma sospetto che Wikimedia Italia non ne sappia - e non ne abbia mai saputo - nulla, e mi immagino invece cosa sia successo: qualche amichetto ha fatto un check user non autorizzato su di me (oppure ha usato impropriamente i risultati di qualche check user legittimo, tanto il modo di legittimarlo a posteriori lo trovano sempre) e ha con ogni probabilità passato l’indirizzo IP a qualcuno degli amici che lavora nella compagnia telefonica con cui avevo il collegamento Internet (ci sono diversi wikipediani che lavorano nelle telecomunicazioni), e tramite quello hanno trovato il mio abbonamento con l’indirizzo.
      Il messaggio intimidatorio era chiaro, e dopo poche settimane ho deciso di lasciare per sempre Wikipedia.

      Elimina
  18. Un altro amministratore famigerato è GEC. Fenomenale nel cassare voci usando ogni volta la regola Wiki che gli fa più comodo. Gli ho visto cancellare una voce che in discussione conteneva una serie di accuse dettagliate sul suo comportamento, accuse di cui così non è rimasta alcuna traccia. In un'altra interviene tutt'ora contro un certo tipo di modifiche, favorendone altre che sono negative per il personaggio della voce: se si va a vedere la discussione 1 archiviata, si scopre che qualche anno fa GEC, che non era amministratore, esprimeva opinioni contro quel personaggio! Un conflitto di interessi niente male. Sono i tipi come lui a rendere la wiki italiana una plaga nefasta. Nessuna altra wiki è così. La wiki italiana non è affatto libera e aperta ai contributi: decidono certi amministratori! Che razza di wiki è?

    RispondiElimina
  19. Ragazzi dai su su andate a votare contro Vituzzu nell'elezione di steward
    QUI

    che lui chiede il voto su irc agli amichetti suoi.

    RispondiElimina
  20. Non è libera affatto, la tanto declamata libertà è solo uno specchietto per le allodole ... e lo schifo continua e certi individui riescono a farsi confermare dalla loro cerchia di complici, fino a questo 2016... disgusto più totale per queste conferme

    RispondiElimina
  21. In effetti confermo che questo VITUZZU ha dei grossi problemi e molti amministratori wikitalia sono degli autentici imbecilli e ignoranti, oltre che frustrati come dici tu. Lo dico non per offesa personale, ma perché alla luce di queste rivelazioni si capisce perché wikipediaitalia sia una pseudo enciclopedia inaffidabile.
    Anche io ho corretto un dettaglio storico in una voce (ovviamente fondato e veritiero, fonti storiche da citare in abbondanza) e mi ha bloccato PERMANENTEMENTE l'accesso. Maledetta questa mentalità mafiosa e nepotista che pervade questo paese disgraziato da sempre. Ma a breve gli islamici che ci hanno già invaso, ci schiavizzeranno con la violenza e i cinesi ci compreranno in toto.
    Vi auguro una morte lenta e dolorosa, o voi che avete ucciso questo glorioso Paese culla di passata civiltà e cultura!

    RispondiElimina
  22. Ma allora degli incompetenti del genere, chi li nomina come amministratori? it.wiki è completamente autarchica o c'è una wiki centrale (es. en.wiki) a cui rispondono o a cui noi utenti ingiustamente bannati possiamo fare reclamo?

    RispondiElimina
  23. Nel frattempo, non so se vi siete accorti dell'ennesima porcata combinata dalla cricca.
    Nuova segnalazione in UP di Blackcat e qualche amministratore la "derubrica" a Richiesta di Pareri (come a dire: ma che Utente Problematico, è una scaramuccia).
    Il pattern è il solito: utente poco attivo che si "permette" di mettere mano su qualche voce presidiata da Blackcat in proprio o per conto terzi (si passano le liste di osservati speciali, come spiego più avanti). Ovviamente Blackcat lo provoca, lo stalka, lo trolla, ma questo qui invece di gettare la spugna apre un'UP, viene bacchettato e la UP diventa RdP (https://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Richieste_di_pareri/Comportamenti_degli_utenti/Blackcat/5#Blackcat.2C_14_luglio_2016 qui vedete tutto, compresa la cronologia).
    Solita tattica, rispondono solo quel paio di admin che non chiudono gli occhi sulle porcate della cricca, come Klaudio ed Euphydryas (ex Eumolpa). Con quest'ultima Blackcat ha una linea di condotta ormai consolidata, le risponde con sufficienza e la ignora, spesso lascia cadere allusioni al fatto che non è buona a fare l'admin e che farebbe meglio a occuparsi di questioni serie come i vandalismi o le violazioni di copyright. Poi c'è Hypergio, utente "legalitario" che è candidato admin proprio in questi giorni, che è uno dei più puntuali accusatori del comportamento di Blackcat. La discussione, ovviamente, non essendo "trainata" dagli admin di lungo corso allineati alla cricca, inizia a languere e il 19 luglio muore lì, per disinteresse.
    Nel frattempo Blackcat fa le sue comparsate per Wikimedia, va a pranzo con alcuni utenti storici e amministratori, fa pure il bel gesto di dire a delle nuove arrivate di essere comprensive con "le amministratrici" (non nomina Euphydryas ma fa capire che sta parlando di lei) che hanno maltrattato le gentili signore e riceve gli applausi delle newbies che ovviamente Blackcat ha reclutato come supporter sue personali e della cricca, sia mai dovesse servire una claque alla prossima problematicità.
    Nel frattempo, dopo quattro giorni che la Richiesta di Pareri su Blackcat era morta lì e nessuno se la filava, Hypergio non ci sta e tenta di risvegliare la discussione (https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Wikipedia%3ARichieste_di_pareri%2FComportamenti_degli_utenti%2FBlackcat%2F5&type=revision&diff=82175085&oldid=82108303 qui) che tutti, Blackcat in primis, stavano insabbiando come al solito.
    (fine prima parte)

    RispondiElimina
  24. [segue dalla prima parte] Ovviamente a quel punto Blackcat è chiamato in causa e non può far finta di non avere letto, e allora pubblica (https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Wikipedia%3ARichieste_di_pareri%2FComportamenti_degli_utenti%2FBlackcat%2F5&type=revision&diff=82206173&oldid=82200328 qui) un panegirico, racconta della sua attività per Wikimedia Italia della settimana prima (sottintendendo: "Mentre VOI stavate a perdere tempo qui IO stavo a lavorare per il progetto, non so che farmene del parere di gente di terz'ordine come voi"), ha ricordato che l'utenza che lo ha segnalato ha sì e no 400 edit in sette-otto anni, ha cazziato Hypergio perché ha ricordato che è la sua sedicesima segnalazione in Utenti Problematici e lui gli ha risposto che da "Un candidato admin si aspetta precisione e obiettività" nel riconoscere che più della metà di quelle segnalazioni sono infondate e anche almeno tre richieste di pareri su cinque non hanno ragione di essere. Gli ricorda anche che, da amministratore su Commons, praticamente lo ha salvato da un ban per problematicità e da quel momento Hypergio cambia registro, non interviene più perché si ricorda di avere un'elezione in corso.
    Ovviamente con quella bella pensata di ricordare a tutti che lui stava lavorando per Wikimedia chiama a raccolta tutti i suoi amici, e arriva puntuale Castagna, che per inciso fu tra quelli che più operò per farmi cacciare.
    Il problema era chiaro e lineare: Blackcat era con le spalle al muro e gli era stato imposto un impegno a fare passi indietro (ovvero: dichiara che non farai più così). E figuriamoci se Blackcat 1. si impegna a fare qualcosa che potrebbe andargli in danno e 2. per di più si abbassa a prendere un impegno con gente che considera pezze da piedi. In altra parte dice che "deve ancora rinnovare la quota a Wikimedia Italia ma rimedia subito" (sia mai che non lo coprano). Quindi è chiaro che senza questi passi indietro la RdP non si chiuderà, e Blackcat lo sa.

    Ed ecco il colpo di genio, arriva Castagna che dice (cito testuale): "La bilancia costi/benefici continua a pendere, e ampiamente, dalla parte dei benefici, per cui parlare di blocchi, addirittura nell'ordine dei mesi, mi pare poco utile: a fronte della perdita certa di ottimi e numerosi contributi, che cosa otterremmo? Di dargli una lezione? Di insegnargli come si fa? Non è bello da ricordare, ma ogni tanto bisogna pur farlo: tutte le utenze sono alla pari sul piano dell'accesso alla contribuzione, ma il nostro fine ultimo non è garantire più accesso alla contribuzione, è fare l'enciclopedia. E quindi: le cattive maniere dell'utenza Blackcat possono farci perdere l'utenza Lea Streal? Pazienza: per fare l'enciclopedia l'utenza Blackcat serve molto di più dell'utenza Lea Streal".
    Avete capito bene: Castagna dice in pratica che non gliene frega niente se Blackcat maltratta le utenze e le tratta da stracci. Le altre utenze non producono, vengono qui solo a perdere tempo, sono sacrificabili, peggio per loro.
    (fine seconda parte)

    RispondiElimina
  25. [segue dalla seconda parte]
    A quel punto Blackcat si alza in piedi e con un colpo di teatro degno di lui e della malafede della sua cricca, che leggeva tutto ma non interveniva perché bastava Castagna, fa sfoggio di magnanimità e dice: sia mai che si deve scegliere tra me e lui, mi vergogno a pensarlo. Per piacere, mi assento io piuttosto, ma non toccate Lea Streal (l'utente che lo aveva segnalato), io lo sgrido perché voglio che migliori (rido) e non per cacciarlo via, ma lui non se ne deve andare.
    Tutti applaudono Blackcat, la problematicità finisce, lo stesso Hypergio, fino al giorno prima grande accusatore, gli risponde così: "Ti do fiducia incondizionata come a suo tempo tu l'hai data a me su Commons" (leggi il messaggio: mi hai parato il didietro su Commons a suo tempo, adesso ti restituisco il favore", e Hypergio è arruolato nella cricca pure lui, che incassa l'ok all'elezione da Blackcat e gli altri). Un certo Antonio che ancora il 23 luglio scriveva che "L'utente Blackcat semplicemente non accetta che qualcuno metta mano alle voci che in qualche modo ritiene "sue" e se qualcuno si permette di farlo viene preso di petto" dopo questo show di Blackcat scrive "Un intervento (questo ultimo di Blackcat) che apprezzo e che gli fa onore".

    Finale da libro Cuore con Yuma che scrive: "Capisco che ci siano ancora contrarietà, da parte di chi voleva un trattamento più morbido o di chi voleva il contrario: la mediazione migliore possibile non è quella che accontenta tutti, ma quella che disinnesca il conflitto, e mi pare sia stata raggiunta, con il benestare dell'interessato".
    Tradotto: chi voleva un blocco si attacchi, il conflitto è stato disinnescato "Con il benestare dell'interessato". Ovvero, Blackcat ci ha fatto l'onore di ritirarsi perché ha fatto il gesto magnanimo lui, mica si abbassa a farselo imporre da qualche admin che vuole far rispettare le regole, no?

    E nel frattempo qualcuno avrà trovato educativa questa vicenda, nel senso che ha capito da che parte deve stare quando ci saranno contenziosi con gente come Blackcat o Castagna o Vituzzu.
    (fine)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Disamina perfetta, ma ti ricordo che alla fine Blackcat è stato bloccato per sei mesi (finalmente) da Supernino, admin neo-eletto che evidentemente non guarda in faccia nessuno e si è preso la responsabilità di questo blocco, stracondiviso da quasi tutti gli intervenuti nella pagina di UP. C'è voluto qualche anno, ma alla fine come si dice il tempo è galantuomo..... Inutile dire che Castagna ha opposto resistenza fino all'ultimo, perfino minacciando una wikipausa per "protesta". C'è un po' di luce in fondo al tunnel.....

      Elimina
    2. Non sperarci. Innanzitutto ha preso 6 mesi, non infinito, e comunque il problema non è lui. Se ci fai caso, nella discussione non sono intervenuti i vari Vituzzu, Sannita, etc. etc., ovvero tutti gli amici di Blackcat e anche il suo compagno di merende Gianfranco, il c.d. "Presidente della Repubblica Wikipediana" si è accodato per il minimo sindacale, anche perché in chat Blackcat ha detto qualcosa tipo: "Ok, per sei mesi sto fuori dai coglioni, così facciamo contenti i giustizialisti a oltranza". Lo stesso Gianfranco, il cosiddetto "Presidente della Repubblica Wikipediana", ha fatto il cerchiobottista dicendo "Va bene per i sei mesi, ma molti di quelli che lo accusano [in sostanza] non pensino di essere meglio e di non meritarselo pure loro, perché lui a differenza vostra lavora più di voi e si è preso pure una minaccia legale per respingere un vandalismo" (per onestà devo ammettere che è vero quest'ultimo fatto, è la maniera di Gianfranco di porlo che è capzioso) "e sappiate che è pure admin su Commons, quindi non stiamo parlando di un vandalo o di un problematico qualsiasi etc. etc. etc.".
      Risultato? In altra sede leggo di Blackcat che propone che qualsiasi carica da sysop in su debba essere identificabile con nome e cognome e possibilmente socio di un progetto nazionale di WMF, e chi gli dà ragione, magari con alcuni distinguo del tipo "Ok, ma i dati devono essere noti solo a WMF / WMI etc.". In breve, sta cercando di coagulare sui capitoli italiani e stranieri un consenso per proporre che non ci sia più anonimato per chi vuole diventare amministratore. I motivi li immaginate facilmente.

      Elimina
    3. "Disamina perfetta, ma ti ricordo che alla fine Blackcat è stato bloccato per sei mesi (finalmente) da Supernino, admin neo-eletto che evidentemente non guarda in faccia nessuno e si è preso la responsabilità di questo blocco, stracondiviso da quasi tutti gli intervenuti nella pagina di UP. C'è voluto qualche anno, ma alla fine come si dice il tempo è galantuomo..... Inutile dire che Castagna ha opposto resistenza fino all'ultimo, perfino minacciando una wikipausa per "protesta". C'è un po' di luce in fondo al tunnel....."
      Faber, si potrà mai correggere il passato, fare finalmente giustizia, buttare fuori gli amministratori disonesti e vessatori e riabilitare gli utenti cacciati con pretesti? Io antpriv sono stato vittima di questi stessi nomi e degli stessi sistemi... mi hanno scritto di tutto nella pagina dei problematici mentre non potevo difendermi perchè bloccato... ovviamente allo sblocco ho risposto alle loro offese, e non c'è bisogno di dirvi come mi è finita!

      Elimina
    4. Blackcat è un'utenza storica, con amicizie importanti, contribuisce tanto, ed appartiene pure a una "fazione" (in questo caso quella degli atei, piuttosto nutrita su Wikipedia), quindi ha una sua folta schiera di fan: pensavate davvero che un blocco di sei mesi a un'utenza così sarebbe passato liscio come l'olio? C'era da aspettarsi tutta questa levata di scudi, anche dopo il blocco. Continuo a pensare però che un blocco così lungo è un segnale molto forte e può significare (forse) un punto di svolta, se non altro per sfatare l'immunità di Blackcat, che era diventata veramente inspiegabile, a tratti leggendaria. Ovvio che il problema sia ben più grande del solo Blackcat ma questo, ripeto, è già un primo passo, impensabile fino a poco tempo fa.

      Ant, è vero, non si può cambiare il passato, ma si può agire sul presente in proiezione verso il futuro. E questa è un'azione che cambia moltissimo il presente di Wikipedia e (speriamo) anche il suo futuro.

      Elimina
    5. Non si può cambiare il passato. Ok.
      Mi sa che il futuro però non è diverso.
      Proprio un paio di settimane fa stavo sul chan di it.wikimedia in IRC, e si stava parlando di alcuni incontri ufficiali di Wikimedia, e Blackcat, fin lì più o meno calmo, è intervenuto a gamba tesa dicendo (sto andando a memoria ma giuro che non riuscivo a credere a quel che stavo leggendo) "Grazie a quel coglione di Supernino mi sono trovato in imbarazzo a dover spiegare ad alcuni aspiranti contributori come inserire voci, mica potevo far vedere che ero bloccato per una cazzata", e qualcuno degli admin storici, tra cui anche quelli criticati qui come capi e sottocapetti della cricca, gli hanno scritto qualcosa come: "Questi giovani admin sono irruenti, vanno accompagnati nella crescita". Quindi tutto a posto, tutto regolare. Blackcat può impunemente dare del coglione e gli altri amministratori approvano e ironizzano. Vorrei capire di quale cambiamento stiamo parlando, guardate.

      Elimina
  26. Non è libera affatto!!! Sono pienamente d'accordo!!! Occorre fare pulizia!!!

    RispondiElimina
  27. questo blog è ormai morto e sepolto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, solo che siamo totalmente assorbiti da famiglia-lavoro-lavoro-famiglia...

      Ma ci auguriamo di tornare presto! :-)

      Elimina

NB! Tutti i messaggi sono sottoposti a moderazione: quelli giudicati non idonei verranno eliminati senza alcun avviso né risposta.

Non è necessario frazionare lunghi commenti in più parti per limiti di testo, ma ti chiediamo di essere il più sintetico possibile. Grazie della collaborazione.

Ricorda che puoi utilizzare soltanto i seguenti tag HTML: <b> o <strong>, <i> o <em> e <a>.